Chiesa di Santa Illuminata
via Verdi  06036  MONTEFALCO  PG 
urbano
XVI SECOLO

Dove si trova
La chiesa intitolata a Santa Illuminata si trova all’interno delle mura cittadine di Montefalco, al termine del borgo, sulla via che costeggia il fianco sinistro della chiesa di Santa Chiara.

Perchè visitarla
Passeggiando per le vie del borgo si gusterà come anche il Rinascimento abbia dotato Montefalco di un grazioso edificio religioso visitando la chiesa di Sant'Illuminata, impreziosita dalle opere di artisti umbri importanti come Francesco Melanzio.

Descrizione
La beata Illuminata nacque a Montefalco nel XIII secolo, fu monaca agostiniana distintasi subito per le sue virtù.
La chiesa nacque grazie ad un primo insediamento agostiniano, che poi, verso il 1280, decise di spostarsi nel vicino convento oggi intitolato a Santa Chiara. Una nuova comunità, sempre agostiniana, sostituì la precedente nel 1303 decidendo la costruzione di una nuova chiesa. Nel 1480 anche queste agostiniane si spostarono nel monastero vicino e il frate generale dell’ordine, Anselmo di Montefalco, decise allora di trasferirci i frati riformati, detti “di Lombardia”. Soppressa questa comunità nel 1653, solamente dal 1910 al 1975 i padri Cappuccini occuparono nuovamente il luogo.
L’armonioso edificio rinascimentale con facciata in laterizio è preceduta da un portico a tre fornici tipico dell’architettura lombarda. Sopra il portale si ammira un pregevole affresco di Francesco Melanzio, la Madonna della Misericordia.
L’interno, a navata unica con tre cappelle laterali per lato, presenta interessanti affreschi purtroppo molti rovinati dall’umidità. Nelle nicchie di destra si trovano affreschi eseguiti all’inizio del XVI secolo, tra questi alcuni riferibili alla mano di Francesco Melanzio come l’Incoronazione di Maria e l’Assunta e quattro Santi. In quelle di sinistra gli affreschi sono riferibili ad artisti umbri. Questa serie di affreschi rappresenta il complesso rinascimentale più interessante di Montefalco.

Curiosità
La chiesa fu fatta costruire dagli Agostiniani sul luogo del duecentesco “reclusorio di Damiano” così chiamato dal nome del fondatore che qui vi segregò le due figlie Giovanna e Chiara, la futura santa. Infatti Damiano di Bengente, nella seconda metà del XIII secolo, costruì un “reclusorio” per la figlia Giovanna, la quale accolse, alcuni anni più tardi, anche la sorella Chiara di sei anni.

Informazioni e consigli utili

Montefalco è raggiungibile in auto tramite l’autostrada del Sole, uscita Valdichiana provenendo da nord e uscita Orte provenendo da sud.

La stazione ferroviaria più vicina è quella di Foligno, distante solamente dodici chilometri da Montefalco, raggiungibile con la linea ferroviaria Roma – Firenze, fermata Terontola, prendendo poi la coincidenza per Foligno. Da qui raggiungere la città con mezzi pubblici.
Montefalco dista cinquanta chilometri dall’Aeroporto Internazionale dell’Umbria di Sant’Egidio. Questo è collegato con l’aeroporto di Milano Malpensa tramite due voli giornalieri.

Per ulteriori informazioni
Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica - IAT del Comprensorio Folignate-Nocera Umbra
Corso Cavour, 126 - 06034 Foligno
Tel. 0742354459 - 0742354165
Fax 0742340545
info@iat.foligno.pg.it

Le città
I Paesaggi