Chiesa di Santa Maria Nuova
via Pinturicchio  06100  PERUGIA  PG 
urbano
La chiesa di Santa Maria Nuova si trova a Perugia in via Pinturicchio, nel rione di Porta Sole.
Chiesa parrocchiale risalente al XIII secolo, passò ai padri silvestrini all’inizio del secolo successivo cui  restò fino a quando nel 1540- demolita la Chiesa di Santa Maria dei Sevi per la costruzione della Rocca Paolina- fu data ai serviti e chiamata Santa Maria Nuova.
Dell’antica costruzione restano all’esterno, sul fianco sinistro, il portale e due arcate ogivali. La facciata, su scalinata a due rampe del XVIII secolo, presenta invece un portale cinquecentesco.
L’interno, a tre navate, è in gran parte di stile tardo-rinascimentale. Alcune tracce dell’antica costruzione gotica sono visibili nella zona absidale e nelle due cappelle di testata  delle navate minori. La controfacciata è occupata da un grande organo databile tra la fine del Cinquecento e i primi anni del Seicento.
Le decorazioni della navata centrale, dei pilastri e degli intradossi degli archi sono opera di Bassotti, Amadei, Mazzi e Appiani.
Dalla prima cappella a destra, detta cappella del Crocifisso, a sinistra una porta immette nell’oratorio della confraternita del Crocifisso, con volte decorate da finte architetture prospettiche di Pietro Carattoli; tornati nella navata il secondo altare detto del Gonfalone conserva il gonfalone con Gesù che scaglia i fulminni su Perugia e Maria con i Santi Benedetto e Scolastica e il Beato Paolo Bigazzini che tentano di placare l’ira divina (1471); l’altare successivo ospitava una pala di Andrea d’Assisi detto l’Ingegno di cui non si hanno più notizie. Seguono alcune tele dell’Amadei. In corrispondenza dei due primi pilastri della navata è il baldacchino del XVI secolo mentre entrando nella crociera degno di nota è l’altare degli Oltremontani con le statue di San Luigi di Francia e di Sant’Enrico di Germania. Segue una porta che immette in sagrestia. Sopra  è una Deposizione di Pellegrini, copia da Barocci. Nella cappella absidale destra è il sarcofago in legno di Braccio I Baglioni e affreschi del XIV secolo.
L’abside gotica conserva infine lo splendido coro ligneo intagliato(1456).
Nella cappella absidale sinistra importanti affreschi, in parte perduti, di Lazzaro Vasari (1444 ca.), bisavolo del più noto scrittore ed artista mentre nella cappellina a principio della navata è una Madonna in trono tra Angeli del XVI secolo.
Da non dimenticare che nella chiesa fino al secolo scorso erano conservate tre importanti opere del Perugino (l’Adorazione dei Magi e la Pala Signorelli oggi entrambe alla Galleria Nazionale dell’Umbria e la Madonna con Bambino tra i Santi Girolamo e Francesco che si trova alla National Gallery di Londra).
Al numero 87 di via Pinturicchio è il chiostro cinquecentesco con arconi in laterizio sostenuti da colonne di travertino e il campanile (1644) eretto forse su  precedente disegno di Galeazzo Alessi.


Per informazioni:
Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica - IAT del Comprensorio Perugino

Piazza Matteotti, 18 - Loggia dei Lanari - 06100 Perugia
Tel. 0755736458 - Fax 0755720988
info@iat.perugia.it


Bibliografia
Mancini F. F. &  Casagrande G. (1982), Perugia. Guida storico-artistica, Bologna, Fotometalgrafica Emiliana.
Montella M. (1993) (a cura di), Perugia, Perugia, Electa Editori Umbri.
T.C.I. (2004), Umbria, Milano, Touring Editore.
Le città
I Paesaggi