Palazzo Comunale
Piazza del Comune  06036  MONTEFALCO  PG 
urbano
XIII SECOLO

Dove si trova
Al termine del corso, nella parte alta di Montefalco, si apre la piazza rappresentativa del potere civile e religioso, già “castrum” feudale. Nella “platea rotunda”, come è definita al principio del Trecento per la sua forma quasi circolare che ripete quella delle mura che la contengono, oggi piazza del Comune, prospetta il palazzo Comunale.

Un tempo fu
Il palazzo Comunale di Montefalco, già palazzo del Popolo, fu costruito nel 1270 sopra una preesistente abitazione medioevale dei conti di Autignano o di Coccorone di cui è visibile l’antica torre ora incorporata nella facciata su corso Mameli.
Unico elemento rimasto della struttura duecentesca è la bifora gotica con piccola colonna tortile.

Perchè visitarla
Le principali residenze signorili si concentrano tutte nella piazza centrale, piazza del Comune, edificate in un breve arco di tempo: palazzo Senili, palazzo Santi-Gentili, palazzo Langeli e palazzo De Cuppis o Camilli. La piazza, che coincide con l'area del primo castrum feudale, ha un particolare invaso circolare verso il quale convergono radicalmente le strade e i vicoli circostanti. Il palazzo Comunale è il fulcro ma interessanti sono tutte le architetture che lo circondano, dai palazzi signorili alla piccola chiesa di Santa Maria de Platea, tra gli edifici più antichi dell'area, utilizzata come prima sede delle riunioni pubbliche comunali. Rimarrà l'unico edificio religioso presente in piazza fino alla costruzione del tempio dei Filippini.

Descrizione
Palazzo Comunale venne costruito nel 1270 ma successivamente, in particolare nell’ottocento, fu rimaneggiato e ampliato.
La facciata ottocentesca è preceduta da un portico a pilastri ottagonali databile tra il XV e il XVI secolo, nella parte inferiore e sul fianco si riconoscono murature in pietra dell’edificio medioevale, cui appartiene anche la bifora con colonnina tortile.
L’interno conserva nella sala minore del consiglio, oggi sala di lettura della biblioteca Comunale, un affresco della Madonna con il Bambino di Giovanni di Corraduccio mentre nella sala maggiore del consiglio ci sono decorazioni ottocentesche.
La biblioteca comunale conserva diecimila volumi tra cui numerose cinquecentine, settantasei incunaboli e circa cento manoscritti, l’archivio storico ha documenti dal XVI al XIX secolo.
A piano terra è un edicola con la Madonna del latte e i Santi Severo e Fortunato di epoca quattrocentesca .
Dalla torre del palazzo si gode una splendida vista su tutta la Valle Umbra.

Informazioni e consigli utili
Montefalco è raggiungibile in auto tramite l’autostrada del Sole, uscita Valdichiana provenendo da nord e uscita Orte provenendo da sud.
La stazione ferroviaria più vicina è quella di Foligno, distante solamente dodici chilometri da Montefalco, raggiungibile con la linea ferroviaria Roma – Firenze, fermata Terontola, prendendo poi la coincidenza per Foligno. Da qui raggiungere la città con mezzi pubblici.
Montefalco dista cinquanta chilometri dall’Aeroporto Internazionale dell’Umbria di Sant’Egidio. Questo è collegato con l’aeroporto di Milano Malpensa tramite due voli giornalieri.

Per ulteriori informazioni
Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica - IAT del Comprensorio Folignate-Nocera Umbra
Corso Cavour, 126 - 06034 Foligno
Tel. 0742354459 - 0742354165
Fax 0742340545
info@iat.foligno.pg.it
Le città
I Paesaggi